News Esterne

Alexandra Pirici ad Art Basel nel prossimo giugno per stupire i visitatori.

By 17 Marzo 2019 No Comments

Caro lettore, mentre ti capiterà di percorrere la Messeplatz perché hai deciso di visitare Art Basel quest’anno, potresti notare degli estranei accanto a te che fanno alcune strane mosse. Le loro pose evocheranno riferimenti culturali colti da Michelangelo, per esempio, o Depeche Mode, o Bollywood. Si veda ArtNet. Questo è Aggregate, un “ambiente performativo” mercuriale dell’artista rumena Alexandra Pirici che si svolgerà in un padiglione temporaneo sulla piazza di fronte ad Art Basel, nel periodo che va dal 13 al 16 giugno. Organizzata da Cecilia Alemani, la principale curatrice di High Line Art di New York, la performance di Pirici impiegherà più di 60 artisti che eseguiranno una serie di gesti e suoni provenienti dalla natura, dall’arte e dalla cultura pop. È una versione aggiornata di un’opera che ha montato per la prima volta al Neuer Berliner Kunstverein nel 2017. “Aggregate è uno dei lavori dal vivo più commoventi, profondi e coinvolgenti che abbia visto nell’ultimo decennio”, ha dichiarato Alemani ad artnet News. “È potente, sia corale che intimo e assolutamente agghiacciante. Sessanta artisti si muovono intorno a te come un corpo collettivo o come uno sciame: non c’è distinzione tra i ballerini e il pubblico e lo spazio stesso diventa un ambiente vivente e respirante. Attinge memorie collettive e diversi patrimoni culturali, giocando con la nostalgia e il ricordo “. Pirici, che pensa che i suoi lavori siano più “ambienti” spettacoli, considera Aggregate una sorta di capsula del tempo che cattura una specifica miscela di storia e zeitgeist contemporaneo. Le referenze variano ampiamente, da pietre miliari artistiche come Lisa Mona (1950) di Wifredo Lam” a “Occupare Wall Street” per comunicare con la musica popolare rumena. È una scelta interessante per una fiera la cui ragione d’essere è la vendita di oggetti. Pirici (il cui nome è pronunciato Pea-Reech) ha a lungo evitato di lavorare con una galleria perché si è impegnata a creare solo spettacoli, il che significa niente oggetti di scena o fotografie o documenti che sono più facilmente scambiati.

Alexandra-Pirici-_Aggregate_-2017-exhibition-view-Neuer-Berliner-Kunstverein.-photo-by-Adrian-Parvulescu-1024x684

(Alexandra-Pirici-_Aggregate_-2017-exhibition-view-Neuer-Berliner-Kunstverein.-photo-by-Adrian-Parvulescu-1024×684.jpg)

Il progetto di questo giugno è l’ultimo di una serie impressionante di importanti mostre e commissioni istituzionali per l’artista rumena. Pirici ha attirato l’attenzione internazionale quando si è unita al coreografo Manuel Pelmuş per rappresentare la Romania alla Biennale di Venezia, utilizzando ballerini per inscenare una “immateriale retrospettiva” dello spettacolo internazionale attraverso la ricostruzione di opere d’arte e scandali della storia della Biennale.

Il suo lavoro è stato incluso anche in Manifesta 10 nel 2014, la Biennale di Berlino curata dal DIS nel 2016 e Skulptur Projecte Munster nel 2017. L’anno scorso ha organizzato una mostra dal vivo al New Museum.

Il padiglione temporaneo sul Messeplatz è stato ideato da Andrei Dinu, un designer rumeno e collaboratore abituale di Pirici’s. Una struttura arrotondata, sostenuta dall’aria, ispirata alle cupole geodetiche dell’architetto americano Buckminster Fuller e segna la prima volta che Pirici ha creato uno spazio personalizzato per uno dei suoi ambienti.

Aggregate crea uno spazio per la contemplazione, anche per la compassione”, afferma Alemani. “C’è qualcosa di rituale in questo: è come una massa secolare. La mia speranza è che il pezzo offra un insieme di emozioni completamente diverse da quelle che sei abituato ad avere in una fiera.”

https://bebeez.it/2019/03/17/607010/