EventiWebinar

I webinar 2019 sul FinTech

By 17 Dicembre 2019 No Comments

Innexta, in partnership con Unioncamere Lombardia, cura un servizio di assistenza e formazione a favore dei referenti dei PID (Punti Impresa Digitale) e dei digital manager delle Camere di commercio lombarde.

Il servizio è focalizzato sui temi del Fintech e della finanza complementare al credito, inquadrati nel più ampio fronte della digitalizzazione delle PMI.

Nell’ambito del servizio, Innexta ha curato l’organizzazione e la realizzazione di tre webinar dedicati a:

  • la gestione finanziaria dell’impresa ai tempi del FinTech
  • La comunicazione ai tempi del Fintech
  • Le PMI innovative: i vantaggi della scelta

Cosa è stato fatto?

Innexta ha curato la realizzazione dei tre webinar, della durata di circa 2 ore ciascuno, in cui esperti e operatori del mercato hanno sviluppato, con taglio operativo e interagendo con i partecipanti online, tre temi che stanno acquisendo una crescente importanza per le nostre imprese.

Nel webinar del 18 novembre, “La gestione finanziaria dell’impresa ai tempi del FinTech” è stato discusso il ruolo che gli strumenti Fintech possono giocare per rendere più efficiente la gestione dell’azienda, sia sotto il profilo finanziario sia sotto quello della copertura dei rischi commerciali.

Il tema, introdotto da Roberto Brero, Project Manager di Innexta, è stato sviluppato da Michele Giorni, di InFinance, e da Laura Oliva, CEO di Ekuota.

Il primo ha analizzato il ruolo crescente che gli strumenti finanziari innovativi giocano nel finanziamento delle imprese, partendo dal reward crowdunfing per giungere all’invoice trading e al dynamic discount, passando per il lending e l’equity crowdfunding.

Se questi ultimi due strumenti sono particolarmente conosciuti per la visibilità che i media, anche non specializzati, dedicano loro, non di meno va dimenticato il peso che la cessione  e l’anticipo fatture online ha ormai assunto per il finanziamento delle imprese. Basti pensare che l’invoice trading, ad esempio, intermedia ormai annualmente volumi superiori al miliardo di euro. Altrettanto interessante è il reward crowdfunding, finora noto in Italia come strumento per il finanziamento di progetti del terzo settore ma che, nei mercati più maturi, è abitualmente utilizzato dalle imprese come strumento di pre-vendita in un’ottica di vero e proprio e-commerce.

Laura Oliva ha, invece, illustrato l’esperienza di E-Kuota, start up innovativa che ha sviluppato un applicativo finalizzato a stimare e proporre gli strumenti più adatti a coprire il rischio-valuta e il rischio-Paese per chi commercia con l’estero.

Nel secondo webinar, “La comunicazione ai tempi del FinTech” moderato da Gianmarco Paglietti, Responsabile dei Progetti Speciali di Innexta, si è parlato del ruolo della comunicazione nella raccolta di capitali online.

Nell’epoca di Internet, come ha ricordato il consulente Alessandro Brunello, uno dei pionieri del crowdfunding italiano, l’interlocuzione con i potenziali finanziatori non può prescindere dalla comunicazione.

Comunicazione che non può essere ridotta al vecchio concetto di “pubblicità” ma che, sempre più, rappresenta una componente di importanza strategica per la riuscita delle campagne di crowdfunding. Comunicare significa interloquire con gli investitori, creare una propria business (social) community di riferimento, costruire un network fidelizzato di follower.

Concetti ribaditi da Luigi Di Pace, Responsabile del progetto crowdfunding dell’Università Bicocca che ha illustrato quelli che sono i passaggi fondamentali per la realizzazione di una efficace campagna di fundraising online, sottolineando come i diversi strumenti riconducibili al crowdfunding possano essere integrati temporalmente per creare un percorso virtuoso che dalla fase di prototipazione può condurre un’azienda fino ai mercati di borsa.

Il terzo webinar “Le PMI innovative: i vantaggi della scelta” che si è tenuto il 16 dicembre 2019 è stato, infine, dedicato al tema delle PMI innovative. La normativa che ha introdotto questa figura giuridica prevede per le imprese che ne rispettano i requisiti una serie di agevolazioni finalizzate a valorizzarne il potenziale di crescita. A oggi poco più di un migliaio di imprese ha utilizzato questa opportunità, a fronte delle circa 20.000 potenziali PMI innovative presenti in Italia.

Per contribuire a diffondere l’informazione sul tema, Innexta ha predisposto un tool online con cui le imprese posso verificare gratuitamente il possesso dei requisiti previsti per acquisire questo status. Il tool è stato presentato, in anteprima, durante il seminario online in cui Alessandro Scutti, esperto di PMI innovative, ha illustrato ai partecipanti le opportunità offerte dalla normativa sulle PMI innovative.

Il tool è online nell’Area Riservata di Innexta, registrati e guardalo subito!

Copy link
Powered by Social Snap