News Esterne

TF Cornerstone rifinanzia Max, il suo grattacielo a Manhattan. Dexus compra grattacielo a Sydney. Access Capital effettua un primo closing per il suo fondo infrastrutturale.

By 14 Marzo 2019 No Comments

TF CornerstoneCon l’aiuto di un’agenzia immobiliare statale, TF Cornerstone ha chiuso un accordo di rifinanziamento per il Max, il suo edificio di lusso a Midtown. La società ha ottenuto 484 milioni di dollari di finanziamento per il progetto da 1.028 unità al 606 West 57th Street, secondo quanto riportato da Commercial Observer. Si veda therealdeal. Il debito, fornito dalla New York State Housing Finance Authority, rifinanzia un mutuo da 380 milioni di dollari dal 2014 dalla stessa fonte. L’agenzia prevede di emettere 104 milioni di dollari in obbligazioni nelle prossime settimane, sottoscritte da Wells Fargo Municipal Capital Strategies, per finanziare l’effetto leva aggiunto, afferma il rapporto. Il prestito originale in costruendo è stato fornito da Wells Fargo, M & T Bank e Helaba cinque anni fa. Helaba e M & T sono stati recentemente rimborsati e non hanno partecipato a questo round di finanziamento, afferma il rapporto. Anche Wells Fargo sembra aver ridotto il suo ruolo di investitore nel progetto. L’edificio di TF Cornerstone, che si estende tra l’11 ° e il 12 ° viale, ha 770 unità a tasso di mercato di affitto e 258 appartamenti a prezzi accessibili. La torre di 44 piani è stata progettata dallo studio di architettura Arquitectonica e la costruzione è stata completata lo scorso ottobre. I servizi presso l’edificio, che è completamente affittato, includono un campo da basket, un centro fitness, spazio di co-working e una terrazza sul tetto paesaggistico. Gli appartamenti-studi più economici messi da parte per coloro che guadagnano non più del 40 percento del reddito medio della zona – sono disponibili per i vincitori della lotteria per 613 dollari al mese. Nel frattempo, uno studio di mercato al quarto piano dell’edificio costa più di 3000 dollari al mese.

dexusLo sviluppatore immobiliare australiano Dexus ha dichiarato che insieme a un fondo immobiliare associato acquisterà per 800 milioni di dollari australiani (565,28 milioni di dollari) la metà rimanente del centro MLC di Sydney che già non possiede. Si veda dealstreetasia. Dexus e Dexus Wholesale Property Fund acquisteranno ciascuno una quota del 25 percento nel grattacielo di Sydney, con Dexus che finanzia la propria parte dell’operazione attraverso il debito e un’offerta completamente sottoscritta di 425 milioni d doallri australiani di titoli garantiti scambiabili. Il Centro MLC è di proprietà congiunta di Dexus e GPT Group, secondo il suo sito web. A gennaio, GPT ha detto che avrebbe ceduto la sua quota del 50 percento in MLC. Dexus ha anche affermato che l’acquisizione non avrà alcun impatto sulla distribuzione del dividendo nell’anno finanziario 2019 e che la società mantiene la propria intenzione di arrivare ad una crescita del titolo del 5%.

Access Capital Partners Access Capital Partners  ha annunciato il primo closing per Access Capital Fund Infrastructure II (“ACF Infrastructure II” or the “Fund”), avendo ra ccolto impegni per 170 milioni di euro da investitori nuovi e già esistenti, a fronte di un target di 300 milioni di euro. ACF Infrastructure II è un fondo di fondi che guarda ad asset infrastrutturali europei, non escludendo operazioni di secondario,  oltre a investimenti diretti e coinvestimenti insieme a partner finanziari e industriali fino al 20% del fondo. L’obbiettivo di ACF Infrastructure II è di offrire ai propri investitori un attraente profilo rischio/rendimento, con la distribuzione di un dividendo annuale che rappresenta solo parte della performance totale. I Managing Partners di Access, Agnès Nahum e Philippe Poggioli, hanno voluto commentare: “Questo primo closing è la dimostrazione di fiducia degli investitori nella strategia di Access e nel suo posizionamento di marketing. “

https://bebeez.it/2019/03/14/606536/